San Gennaro: 8 curiosità sul Re di Napoli

Pubblicato il 21/10/20

San Gennaro: 8 curiosità sul Re di Napoli

I Re di Napoli sono arrivati al Centro La Birreria, e non vedono l’ora di accoglierti e vegliare sul tuo shopping! Per l’occasione, abbiamo pensato che ti avrebbe fatto piacere conoscere qualcosa in più sulla loro vita e sulle loro opere, simbolo della città meravigliosa che ci rappresenta e che non possiamo fare a meno di amare.

Dopo Pino Daniele, Maradona e Totò, concludiamo la nostra rubrica con 8 curiosità su San Gennaro di Napoli, il Santo Patrono del capoluogo campano e della sua gente. Come si suol dire, noi proviamo a darti tutto, ma per i miracoli – che tu ci creda oppure no – devi rivolgerti a lui. Continua a leggere il nostro articolo per ripercorrere la vita e le gesta del più amato fra tutti i santi napoletani!


  • Sebbene le fonti dell’epoca non indichino con precisione il suo luogo di nascita, si crede che San Gennaro sia nato a Benevento (città di cui fu vescovo) il 21 aprile del 272 d.C..
  • Il fatto che portò al suo martirio risale al IV secolo d.C., durante la persecuzione dei cristiani di Diocleziano. Dopo essersi recato in visita ad un diacono arrestato per motivi religiosi e dopo aver interceduto per la sua liberazione, venne anch’egli imprigionato e condannato a morte.
  • Si crede che il sangue del martire venne raccolto dopo la sua condanna da una donna di nome Eusebia, la quale lo versò nelle due ampolle.
  • Il culto di San Gennaro si diffuse a partire dal V secolo, incentrandosi principalmente sulla venerazione delle sue reliquie (in particolar modo delle due ampolle contenenti il sangue).
  • Tra gli eventi prodigiosi che lo vedono protagonista, il più importante è il cosiddetto miracolo del sangue di San Gennaro. L’evento avviene tradizionalmente tre volte all’anno, di cui una (la più famosa) al termine della processione che dal Duomo di Napoli porta il busto del santo e l’ampolla contenente il sangue alla basilica di Santa Chiara. La processione, detta anche “degli infrascati”, si svolge ogni anno nel sabato che precede la prima domenica di maggio.
  • Oltre alla liquefazione del sangue, si crede che anche in vita San Gennaro si sia reso protagonista di miracoli, come quello della fornace in cui venne rinchiuso dal giudice Timoteo uscendone però illeso. Secondo la tradizione la fornace, tuttora esistente, sarebbe quella presente all'interno del complesso delle basiliche Paleocristiane di Cimitile.
  • Le reliquie ed il sangue del santo sono custodite nella Cappella di San Gennaro (o reale cappella del tesoro di San Gennaro), considerata una delle massime espressioni artistiche della città e della pittura barocca emiliana a Napoli grazie agli affreschi del Domenichino e del Lanfranco.
  • Il nome Gennaro è molto diffuso in Campania e risale al latino Ianuarius (“consacrato al dio Giano”). In genere veniva attribuito ai bambini nati a gennaio, mese sacro al dio.


Ti ricordiamo che il Centro laBirreria si trova nel quartiere Miano, in Piazza Madonna dell’Arco 12. Ti aspettiamo per il meglio del tuo shopping della nostra città!

  • Condividi su:
La birreria

newsletter

Per ricevere in anteprima tutte le novità sulle offerte, i coupon e gli eventi

seguici

Seguici sui social e partecipa a tutte le iniziative del centro. Potrai contattarci anche per informazioni e curiosità anche via mail

opportunità

Approfitta di tutte le opportunità:

Affitta uno spazio / Apri un negozio

LA BIRRERIA
Piazza Madonna dell'Arco 12, Napoli 80145
Direzione: 081 18218632

Belvedere Resort Srl. Via Galassi, 2 (Cagliari) -
P.IVA/C.Fisc.: IT02924600923

©2019 Svicom Srl - All rights reserved | Privacy Policy